Tradizioni, Folklore – Margherita di Savoia a cura di R. Digaetano

TRA IL SACRO ED IL PROFANO
EVENTI  TRADIZIONI  FOLKLORE

Margherita di Savoia

C. Rita Digaetano

“Le tradizioni, gli eventi e il folklore di una città parlano della storia, della cultura e delle credenze del popolo che vi risiede”.
Esiste una Puglia sconosciuta ai più, fatta di feste patronali nei paesini, di processioni che pochi conoscono, di riti che sopravvivono in case bianche nascoste nei centri storici, di canti e preghiere che si tramandano di generazione in generazione.
A Margherita di Savoia è proprio uno di quei paesi che tanto può mostrare di questa Puglia caratteristica con le sue manifestazioni religiose dal sapore di altri tempi, la sua tradizione culinaria particolarmente legata al mare, ai prodotti tipici della sua terra e alle festività: non è Pasqua se non si impasta la “pizza dolce” e la “scarcella”, non è Natale se non si friggono “ le cartellate”,  non si onora il 2 novembre se in tavola non c’è il “grano cotto” !!!
Sono soprattutto i riti religiosi a raccontare del paese, questi sono molto seguiti  anche dai paesi del circondario. La manifestazione religiosa più sentita e partecipata è quella della festa del SS. Salvatore che si tiene ogni anno il 6 agosto per onorare il santo patrono. Il culto risale a tempi più antichi, quando i salinari si trasferirono per circa tre secoli a Barletta, dove formarono una colonia e alloggiarono nei pressi della chiesa di Sant’Agostino intitolata, in quell’epoca, al SS Salvatore. Quando tornarono al loro luogo d’origine portarono con sé il culto del Santo, che scelsero come protettore del villaggio ricostruito. I preparativi della festa più attesa dell’anno iniziano alcuni giorni prima, con il montaggio, lungo il corso principale, delle luminarie, che di sera creano dei tunnel luminosi di grande effetto. In chiesa, in preparazione della festa, si tiene una novena. Il 6 agosto, giorno dedicato al SS. Salvatore, le principali vie del paese, dal tardo pomeriggio fino a sera, sono percorse dalla processione dei fedeli, che seguono l’effige del Santo Patrono. La festa dura più giorni e si conclude sempre con degli spettacolari fuochi d’artificio che si riflettono, creando effetti bellissimi, nelle saline. Da qualche anno si tiene inoltre una suggestiva  rievocazione del ritrovamento, proprio sulla spiaggia dietro la chiesa del SS. Salvatore, della preziosa icona del Santo, dopo che essa fu trafugata dai turchi ed un corteo storico in cui i figuranti vestono gli abiti di un tempo ormai lontano che ci parlano di dunque di antichi lavori e della storia della cittadina.
Un’altra festa, di minore importanza, ma ugualmente sentita, è quella della Madonna dello Sterpeto, protettrice dei pescatori. L’icona della Vergine, dipinta su tela, è una copia di quella del XV secolo che si trova a Barletta, elevata a protettrice della città dopo il terremoto del 1731. L’ultima domenica di luglio vengono eseguiti i solenni festeggiamenti con la suggestiva processione in mare dell’effigie, seguita da barche su cui si raccolgono i fedeli e le autorità. Durante la regata si lancia una corona di rose per ricordare i pescatori caduti in mare. Il corteo di motobarche, intorno a cui fanno festa decine di imbarcazioni turistiche, provenienti da Portocanale, sfila lungo tutta la costa.
Quasi al termine dell’estate, il 15 settembre, si tiene un’altra festa importante, quella della Madonna Addolorata. Il paese viene ugualmente addobbato con luminarie bancarelle di ogni genere, seguitissima è la processione dei devoti, il tutto in uno splendido sfondo fatto dei colori di settembre.
La festa religiosa più folkloristica è quella che si tiene nella chiesetta di San Michele a Torre di Pietra in onore dell’omonimo Santo l’ultima domenica di settembre. La chiesa apre per l’occasione, numerosi sono i fedeli che si affollano per partecipare alla messa all’aperto. Lo scenario è tipicamente pugliese: c’è chi cerca un po’ di fresco all’ombra dei fichi, le signore si proteggono dal sole con colorati ombrelli, la banda del paese fa da sottofondo musicale, qualcuno si rifocilla comprando frutta secca e olive dal venditore ambulante e i bambini non vanno via senza avere acquistato almeno un palloncino. Dopo la  celebrazione della messa si tiene l’asta per portare il santo in processione a spalla. E’ uno spettacolo straordinario e suggestivo in una cornice che ha ancora molto da raccontare dei tempi andati.
A dicembre, prima delle festività natalizie, si celebra invece la festa della Madonna  Immacolata, protettrice delle saline. Una lunga processione si snoda dalla Chiesa Madre fin nel cuore delle saline fra suoni di sirene e la partecipazione corale dei salinari. Legata a questa ricorrenza l’usanza di consumare le frittelle tanto da chiamare la festa  “d’ a Madonn di frittele” !!

EVENTI

Oltre alle feste religiose, nei mesi di luglio e agosto, ma anche a maggio, settembre e dicembre si svolgono sagre, importanti mostre e coinvolgenti manifestazioni. Da segnalare in particolare:
– seconda o terza sett. di maggio: “O’maggio al mare”, apre gli eventi dell’estate margheritana, tre giorni di sagra durante la quale gli stabilimenti balneari di Margherita offrono gratuitamente ombrelloni e lettini ai visitatori, i ristoranti propongono menù a base di seppia a prezzo speciale, gli hotel, gli alberghi ed i bed & breakfast applicano tariffe agevolate, si effettuano inoltre visite guidate gratuite al Museo del Sale, alle Saline e alla Zona Umida.  Le tre giornate sono caratterizzate da  eventi gastronomici, come la Sagra della Seppia con degustazioni a cura della Cooperativa  Pescatori; eventi artistici con mostre fotografiche – quest’anno si terrà una mostra tutta dedicata al mare- e di modelli di barche come quella intitolata “Maestri d’ascia” . Immancabili  anche gli appuntamenti musicali con la partecipazione di cantanti affermati.

– 1° luglio “La notte rosa”, l’evento gemellato con Rimini tinge di rosa l’estate, spettacoli, grandi concerti tutto dedicato alla donna;

– il “Salt art festival” che propone ogni anno il meglio del Jazz;

– da luglio al 30 settembre “Città Aperte” in Puglia Imperiale con diverse iniziative: “Biciclettando” visita in bici della zona umida;  visite guidate alla salina, alla zona umida e al percorso all’aperto di archeologia industriale; laboratori didattici; visita al Museo Storico della Salina.

– “Miss Margherita

– “Spiagge d’autore”, incontri con autori vari.

Numerosi sono anche gli spettacoli promossi dalle scuole di danza e di musica e dalle associazioni presenti sul territorio, le sfilate di moda, i grandi concerti anche con artisti di fama internazionale, le mostre d’arte e i mercatini tipici.
La notte invece Margherita  si trasforma, cambia pelle  e tira fuori tutta la sua anima mondana e “modaiola”, i locali notturni si animano, il lungomare, i pub le pizzerie, i ristoranti tipici pullulano di gente, le discoteche sul mare danno il massimo per farvi vivere notti indimenticabili con serate a tema, musica dal vivo e ottimo cibo. Un estate dunque per tutti i gusti, dai grandi ai piccini, dagli sportivi ai più mondani, dai golosi ai salutisti…

Agli amanti della natura, della solitudine, dei rossi tramonti, dei fenicotteri, del profumo del sale, del respiro del mare, assicuriamo invece un  altro grande grande spettacolo…… ma non siamo certo noi ad organizzarlo!!!

C. Rita Digaetano- Animatrice Gac Gargano Mare